Prova d’Attore all’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, per il sorriso dei malati

Prova-d-Attore-immagine-in-evidenza-caserta

CASERTA – Il teatro in ospedale, la Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla porta in scena la commedia «Prova d’Attore» al Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Rappresentazione della commedia il 22 dicembre 2017, alle ore 10, nell’aula magna dell’Azienda Ospedaliera «Sant’Anna e San Sebastiano». Leggi tutto “Prova d’Attore all’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, per il sorriso dei malati”

Settimana dello studente al “San Leucio” con la mostra dei disegni di Tony Marrone

settimana-dello-studente-immagine-in-evidenza-tony-marrone

CASERTA – Sarà inaugurata mercoledì 20 dicembre 2017, alle ore 10,30, nei locali del Liceo Artistico San Leucio, nell’ambito delle iniziative della Settimana dello studente, la mostra dei disegni di Tony Marrone, allievo della scuola prematuramente scomparso quest’anno. “Chiamami Disparo! Il diario artistico di un ragazzo speciale” raccoglie parte dei lavori della giovane promessa che ha avuto troppo poco tempo per vivere e farsi conoscere. Leggi tutto “Settimana dello studente al “San Leucio” con la mostra dei disegni di Tony Marrone”

Smoke Snake. A Caserta sgominato traffico internazionale di eroina dall’Albania

smoke-snake-immagine-in-evidenza-caserta

CASERTA – Su disposizione della Procura di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo, dalle prime luci del mattino oltre 100 finanzieri della Compagnia di Marcianise e degli altri Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, coadiuvati dalle unità cinofile, hanno dato esecuzione all’ordinanza con cui il G.l.P. del Tribunale partenopeo ha disposto l’arresto di 26 soggetti, di cui 21 ristretti in carcere e 5 agli arresti domiciliari, fortemente indiziati di far parte di un’organizzazione criminale transnazionale dedita al traffico internazionale di ingenti quantitativi di droga (eroina, cocaina e marijuana) al fine di rifornire diverse piazze di spaccio nelle province di Napoli e Caserta. Leggi tutto “Smoke Snake. A Caserta sgominato traffico internazionale di eroina dall’Albania”

Piccolo Teatro Aragonese di Santa Maria a Vico, una “Prova d’Attore” per aprire la stagione

piccolo-teatro-aragonese-santa-maria-a-vico
CASERTA – «Prova d’Attore» apre domenica 8 ottobre 2017 la stagione del Piccolo Teatro Aragonese di Santa Maria a Vico e chiude l’intenso weekend in scena della Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla. Direzione Artistica della Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla. Replica dello spettacolo Prova d’Attore per l’apertura di stagione del Piccolo Teatro Aragonese di Santa Maria a Vico (Caserta), e partecipazione della compagnia alla fiera Mondo Prezioso al centro orafo il Tarì e alla Domenica di Carta 2017 presso l’Archivio di Stato di Caserta.
Fabbrica Wojtyla – Teatro Stabile d’Innovazione della Città di Caserta direttore artistico Patrizio Ranieri Ciu.
Sarà la commedia casertana Prova d’Attore ad aprire la stagione 2017/18 del Piccolo Teatro Aragonese di Santa Maria a Vico, domenica 8 ottobre alle 19. L’opera, scritta da Patrizio Ranieri Ciu e messa in scena dalla Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla, approda in Valle di Suessola dopo il grande successo al Roma Comic Off – l’oscar italiano della comicità d’autore – a conclusione di un weekend che vedrà la compagnia casertana impegnata sabato mattina al centro orafo il Tarì – in occasione della fiera Mondo Prezioso – e domenica mattina all’Archivio di Stato di Caserta – in occasione della Domenica di Carta 2017.

La commedia in scena al Piccolo Teatro Aragonese racconta le vicende di due balordi, Gianni e Nicola, un nevrotico assistente e un attore d’altri tempi (Annibale Toti), sono alle prese con un testo teatrale (Chi?) del grande drammaturgo Aristide De Tremelloni Tudorsecchi della Guardia Val di Fasa. Tra sedute spiritiche e spassosi sipari, l’improvvisata compagnia arriva a trasformare la rappresentazione di un dramma storico, la morte di Cesare, in una vera e propria clownerie del tutto originale, generando una miriade di equivoci e di situazioni esilaranti.
Sabato mattina la Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla è stata scelta dal centro orafo il Tarì per la rappresentazione di un tableau vivant, scritto da Vincenzo Mazzarella, che in abito d’epoca farà rivivere la scena dell’abdicazione di Carlo di Borbone in favore di Ferdinando – riporta ancora il comunicato stampa -.

Domenica mattina sarà l’Archivio di Stato di Caserta – nella sua nuova sede presso il Palazzo Reale – ad accogliere gli attori casertani in occasione della Domenica di Carta 2017, apertura straordinaria di biblioteche e gli Archivi statali, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche, ma anche i monumenti di carta, patrimonio altrettanto imponente e ricco, conservato e valorizzato in splendidi luoghi della cultura. La Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla leggerà testi dal manoscritto del 1778 Scelte di rime bernesche di Domenico Mondo.

Giovanni Allocca e Leda Conti ricordano Enzo Tortora in “Big Ben ha detto stop”

CASERTA – Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla. A Caserta lo spettacolo Big Ben ha detto stop, con Giovanni Allocca e Leda Conti, in scena questa sera e domani al Palazzo delle Arti e del Teatro di Caserta.
Il caso Tortora, che sconvolse l’Italia dello spettacolo dei primi anni ’80, e una delicata rappresentazione della figura di Enzo Tortora sono in scena questa sera e domani, alle 21 al Pat – Palazzo delle Arti e del Teatro di Caserta con lo spettacolo Big Ben ha detto stop, realizzato dalla compagnia Assoqquadro per la regia di Massimo De Matteo, i testi di Nicola Maiello e con in scena Giovanni Allocca e Leda Conti. Lo spettacolo è parte deli eventi realizzati nell’ambito della rassegna Dentro il Giardino ed organizzati dalla Cooperativa TamTam e Fabbrica Wojtyla.

Genova, fine anni ‘80. È l’ultimo giorno di lavoro per un radiotecnico, esperto riparatore di apparecchi televisivi, amico di infanzia del presentatore Enzo Tortora, il creatore o comunque uno dei pionieri dei contenuti di quelle scatole magiche, diaboliche, belle da guardare, ma soprattutto contenitori di parole belle, da ascoltare. L’indagine umana su una delle vicende giudiziarie più controverse del dopoguerra italiano diventa il pretesto per parlare di una televisione, scomparsa insieme al suo pubblico.
La storia televisiva e giudiziaria di Enzo Tortora – riporta il comunicato stampa – vista dagli occhi di un radiotecnico, con semplicità, passione, ironia, drammaticità.
giovanni-allocca-leda-conti-tortora
Giovanni Allocca
Un’occasione per rivivere e dare luce ad un triste episodio della storia contemporanea che lega l’Italia, gli ultimi anni di piombo e gli albori della televisione contemporanea.
RICERCHE CORRELATE