Rock italiano e tanta voglia di musica in “Tratti”, nuovo album dei Treason Trauma

foto-TREASON-TRAUMA-immagine-in-evidenza-tratti

ROMA – Il nuovo album dei ‘Treason Trauma’. È uscito nelle scorse settimane, l’ultimo lavoro discografico della band Treason Truma, dal titolo “Tratti”, otto tracce di buon rock italiano attraverso le quali i ragazzi ci presentano il loro mondo e il loro stile e per capire meglio tutto questo è interessante riportare proprio le loro parole: “L’assenza di differenza che imprigiona la nostra generazione è estremamente difficile da avvertire, figurarsi da combattere. Questo disco la canta, o almeno prova a farlo. Questo disco è rock, perché si è pensato che questo messaggio necessiti di un linguaggio universale, diretto e tagliente come il suono delle chitarre elettriche che abbiamo usato”. Leggi tutto “Rock italiano e tanta voglia di musica in “Tratti”, nuovo album dei Treason Trauma”

Il coraggio non è solo degli eroi, Pietro Quadrino scrive “Provaci ancora Brancusi”

COPERTINA--DEL-LIBRO-DI-PIETRO-QUADRINO-immagine-in-evidenza-coraggio

ROMA – Provaci ancora Brancusi di Pietro Quadrino. Pietro Quadrino, interprete d’eccezione del teatro europeo contemporaneo, offre uno sguardo privilegiato sui suoi pensieri, sulle sue debolezze e paure, e nel farlo ci mostra che il coraggio non è solo degli eroi, ma anche di chi decide di lottare, nonostante lo sfavore delle stelle. Leggi tutto “Il coraggio non è solo degli eroi, Pietro Quadrino scrive “Provaci ancora Brancusi””

Beatrice Campisi canta tutto “Il gusto dell’ingiusto”, e anche con testi in dialetto

beatrice-campisi-immagine-in-evidenza-musica

ROMA – Il nuovo album di Beatrice Campisi. S’intitola “Il gusto dell’ingiusto”, l’ultima fatica discografica di Beatrice Campisi, uscito nelle scorse settimane, dodici tracce impreziosite da una voce raffinata e coinvolgente che ben si adatta ad una varietà di stili musicali. Leggi tutto “Beatrice Campisi canta tutto “Il gusto dell’ingiusto”, e anche con testi in dialetto”

Freddy Hend, musicista sardo, al suo primo album. ReincarnAction catapulta “on the road” negli States

Freddy-Hend-musicista-sardo
Freddy Hend
ROMA – L’esordio musicale di Freddy Hend. Nelle scorse settimane mi è capitato di ascoltare ReincarnAction, primo album del musicista sardo Freddy Hend, un lavoro discografico nato dal connubio con Anne Morrighan, e che si traduce in 12 tracce che comprende la cover “Woman in chains” dei Tears for Fears. Ottimo esordio, dunque, che ci fa sognare in uno spazio temporale che va dagli anni settanta ai giorni d’oggi.

I due hanno condensato bellissime ballate folk/rock, con apprezzabili sonorità psichedeliche, il tutto condito da una godibile miscellanea vocale.
Di fatto, se chiudiamo gli occhi ci possiamo ritrovare catapultati “on the road”, negli States. Il loro progetto musicale è iniziato nel 2011 e dopo una lunga gavetta sono giunti nel 2015 a registrare, insieme a Giuseppe Barbera “Reincarnaction”. Il produttore siciliano ne ha da subito compreso il valore ed eccoci qua ad ascoltare le emozioni e gli stati d’animo che trasudano anche dai testi che trattano  temi come l’amore, la compassione e quindi il rispetto della vita di tutti gli esseri viventi. 
L’utilizzo della lingua inglese, che ben si sposa al loro stile, li fa apprezzare anche fuori confine. Un viaggio musicale godibile. Buon ascolto!

Rock, blues, folk e cantautorato: tutto miscelato nel nuovo album dei Garcino “Mother Earth’s Blues”

Rock-blues-folk-cantautorato-album
Garcino
TORINOIl nuovo album dell’ensemble piemontese Garcino. È uscito nei giorni scorsi il nuovo album dei Garcino dal titolo “Mother Earth’s Blues”, disco interessante e molto particolare che si completa di otto tracce sapientemente miscelate tra rock, blues, folk e cantautorato. Con Nicola Garassino alla chitarra e voce, Andrea Griffone  alle tastiere e Roberto Leardi alla batteria, si viene trascinati da una bella energia condita da una voce particolare e da testi curati che trattano di tematiche come l’ecologia, l’amore, l’integrazione e il buon cibo, argomenti che sovente vengono calpestati.

Un prodotto musicale valido, messo in risalto anche dall’ottima tecnica dei musicisti che vantano un discreto background vista la collaborazione con artisti quali i Matia Bazar. Un album, da ascoltare con attenzione.

Pittura, segno grafico, scultura, fotografia, installazione: a Reggio Emilia l’arte delle donne in una voce universale

Pittura-segno-grafico-scultura-fotografia
Nicla Ferrari
REGGIO EMILIAMostra collettiva a Reggio Emilia. Sabato 8 ottobre 2016, alle ore 18, presso lo Spazio Art È di Reggio Emilia in via Battaglione Toscano, 1b, sarà inaugurata la mostra collettiva dal titolo: “DieciMarzo46”, esposizione organizzata dal Circolo degli Artisti e Kairos art & projects con il patrocinio dal Comune di Reggio Emilia e presentata da Giuseppe Berti. Protagonisti della mostra, saranno di Maddalena Barletta, Giorgia Beltrami, Simonetta Berruti, Valentina Biasetti, Myriam Cappelletti, Emanuela Cerutti, Cristina Iotti e Susy Manzo.

Curata da Nicla Ferrari, potremo ammirare opere di grandi dimensioni, come le lenzuola di Valentina Biasetti, alternate a lavori di piccolissimo formato, come le carte di Susy Manzo, particolarmente attenta alla tutela dell’infanzia e della donna. Poesia visiva e stratificazioni per Myriam Cappelletti, sculture in grès smaltato per Simonetta Berruti, fotografie rielaborate per Maddalena Barletta, che in alcuni casi apre anche all’installazione. Dagli autoritratti e dalle “allucinazioni visive” di Emanuela Cerutti alle matite colorate di Cristina Iotti, che descrivono ciò che di straordinario c’è nell’ordinario, sino alle riflessioni sull’identità e sul territorio di Giorgia Beltrami, i cui dipinti nascono da archivi fotografici di famiglia. Sempre dalla curatrice apprendiamo quanto segue: «L’elemento che accomuna quasi tutte le autrici è la capacità di raccontarsi e di dare voce, attraverso il proprio corpo, le proprie memorie ed una tecnica consolidata negli anni, a valori universali». Pittura, segno grafico, scultura, fotografia, installazione, in qualche caso sperimentazioni riconducibili alla tessitura e al cucito, al riciclo, o ancora ad operazioni di grande perizia e pazienza come il papercutting. Concludiamo col dire che la mostra sarà visitabile fino a domenica 6 novembre con i seguenti orari: tutti i giorni con orario con orario 9.00-19.00, chiuso il mercoledì.